CCIRM - Comitato Cittadini Interramento Rho-Monza CCIRM - Comitato Cittadini Interramento Rho-Monza Il CCIRM è un comitato sponta ...
PERCHÈ INTERRARLA: 14 corsie a cielo aperto PERCHÈ INTERRARLA: 14 corsie a cielo aperto Il progetto della Provincia pr ...
PERCHÈ INTERRARLA:  La galleria fonica PERCHÈ INTERRARLA: La galleria fonica Il progetto della Provincia pr ...
CCIRM - Comitato Cittadini Interramento Rho-Monza
Il CCIRM è un comitato spontaneo nato dalla volontà di semplici cittadini di affrontare, e cercare di risolvere, un problema di tutti.
PERCHÈ INTERRARLA: 14 corsie a cielo aperto
Il progetto della Provincia prevede la realizzazione della nuova Rho-Monza in sopraelevata ed in affiancamento alla Milano-Meda.
PERCHÈ INTERRARLA: La galleria fonica
Il progetto della Provincia prevede la realizzazione di un galleria fonica di 250 metri.
I PROGETTI INTERRATI
I motivi per cui la tratta in affiancamento alla Milano-Meda deve essere interrata e come si può fare.
INIZIATIVE
Scopri le iniziative del CCIRM
FACEBOOK
L'interramento è anche su Facebook, iscriviti al nostro gruppo e partecipa alle discussioni
I PROGETTI INTERRATI I PROGETTI INTERRATI I motivi per cui la tratta in ...
INIZIATIVE INIZIATIVE Scopri le iniziative del CCIRM ...
FACEBOOK FACEBOOK L'interramento è anche su Fac ...
Il CCIRM ringrazia PDF Stampa E-mail
Notizie - Notizie dal comitato
Domenica 01 Marzo 2015 00:05

Il CCIRM ringrazia t

utti i cittadini e gli esponenti politici: M5S, PD, Rifondazione Comunista e Insieme per cambiare, che hanno aderito al presidio di protesta di ieri mattina, contro la mancata osservanza delle prescrizioni ministeriali contenute nel decreto di V.I.A. e per chiedere risposte concrete alle segnalazioni contenute nei vari esposti presentati.

Si ringraziano anche le forze dell’ordine che hanno gestito con professionalità la situazione.

Lunedì 2 Marzo, grazie anche alla particolare determinazione della consigliera regionale Silvana Carcano e al consigliere comunale Emiliano Abbati, avrà luogo un incontro in Prefettura, con la presenza del N.O.E. (Nucleo Operativo Ecologico) dei Carabinieri, Asl e Ispettorato del lavoro, per una verifica puntuale della situazione.

Ci auguriamo di avere in quella sede riscontri concreti e utili.